Cosa c’è su Netflix? YOU

[SPOILER FREE] Credo che dovremmo rinominare la sezione “Serie TV e film” in “Netflix e dintorni” visto che, praticamente, siamo fan pazzeschi della N rossa più famosa del mondo. In ogni caso, tra ieri e oggi siamo finiti nel tunnel dell’ennesima serie TV in grado di deprivarci completamente di una vita sociale (e anche della fame, della sete e del sonno): YOU.

Premessa doverosa: abbiamo scoperto esserci un libro dal quale è stata tratta la serie. Noi non lo abbiamo letto, non sapevamo nemmeno esistesse prima di qualche ora fa, quindi il nostro giudizio si riferisce solo a YOU serie Tv, l’originale Netflix.

Brevemente vi parlo della trama, giusto per infarinarvi come una fettina di pollo, ma starò ben attenta a non fare alcun tipo di spoiler. Beck è questa ragazza bionda della quale vi ho piazzato uno dei migliori fermo immagine, in molte occasioni vi ricorderà parecchio Chiara Ferragni, solo un po’ più morbida e decisamente più simpatica. Tornando a Back, dicevamo che è la coprotagonista di questa incasinatissima storia di non amore. Un bel ragazzo timido e impacciato, Joe, se la ritrova nella libreria in cui lavora come libraio e inizia a farsene un’idea andando a scansionare con precisione chirurgica tutti i social in cui Beck pubblica aspetti più o meno realistici della sua vita privata. Joe scopre molte cose di Back, inizialmente solo online, successivamente attraverso strategici pedinamenti al limite del legale. Piano piano riuscirà a insinuarsi nella vita della ragazza, manipolandone ogni aspetto e rendendola molto felice. Inutile dire che per quanto questi due possano effettivamente sembrare carini e innamorati, succederanno costantemente un sacco di cose che ci riporteranno alla realtà, mostrandoci quanto invece sia pazzo lui. Beck ha delle amiche di merda, avrete modo di odiarle dal profondo della vostra anima, specialmente una: Peach.

YOU è l’ennesima produzione originale Netflix che ci ricorda quanto questo colosso dell’intrattenimento sappia fare il proprio lavoro. Ma abbiamo chiacchierato anche troppo, conviene affrontare immediatamente i tre motivi per i quali dedicare un paio di giornate per immergersi in questa follia paranoica.

Tre motivi per guardare YOU

  • Ti lascia costantemente in un disequilibrio emotivo. La verità è che si dimentica spesso il comune senso del “bene” e il comune senso del “male”, così si ritrova anche a tifare la salvezza delle persone sbagliate. Come se i confini diventassero labili molto più del normale: non è un bene/male relativo, sarebbe troppo banale, si tratta di veri e propri sbandamenti che ci fanno mettere in discussione qualche intimo pensiero che possiamo ritrovare nel profondo. Chi non è mai stato tentato dal dare una sbirciatina al cellulare del proprio compagno? E quanti hanno poi ceduto? Chi è andato oltre? Io non penso che queste cose ci siano sempre del tutto estranee, magari pubblicamente, ma noi la risposta la conosciamo bene.
  • Ogni tanto un thriller ci vuole. Sì dai, basta con questi teen drama, basta con gli ospedali, i salotti con il divano centrale, le spade e i draghi. Tutto molto bello, tutto molto affascinante, ma io ogni tanto sento proprio l’esigenza di godermi una serie tv che, ridotta a dovere, potrebbe essere un bellissimo lungometraggio. Che poi, chi li guarda più i film; la serie tv ha una comodità intrinseca che il film se la sogna, a maggior ragione se si tratta di thriller. Non so in quanti la pensino come me, ma io preferisco prolungare molto il senso di ansia e solo con una serie questa operazione risulta possibile.
  • Magari, guardando YOU ci verrà voglia di mettere delle password sensate ai nostri device. Forse smetteremo di condividere sempre tutto tutto, compreso l’indirizzo di casa e la geolocalizzazione di tutti i nostri spostamenti più o meno lunghi. O magari non smetteremo mai, così come non ho mai smesso nemmeno io che nel digitale vivo e lavoro da anni. Chi lo sa, ma io nel dubbio ho cambiato la password al mio laptop.

Voto definitivo per la serie YOU: 7 perché per quanto sia bella, interessante e complicata, è un po’ poco credibile che lui riesca a combinarne così tante senza essere beccato per tutto il tempo. Ci sono alcuni passaggi che riguardano i reati più gravi che non vengono credibilmente supportati da un’adeguata linea d’indagine. Sostanzialmente in questo thriller la polizia si droga, oppure non esiste, oppure non serviva e hanno deciso di non mettercela. Ah, inoltre non c’è nulla di particolarmente nuovo che non sia già stato visto in qualche altra storia di stalking.

Ci siamo informati: ci sarà una seconda stagione, così scopriremo un sacco di cose interessanti su Candice. Chi è Candice? Eh.

L’avete visto? Che ne pensate? Fateci sapere, noi siamo curiosi!

Annunci

2 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...