Roberta Bianchessi: Il custode dei pozzi maledetti

Recensione di Claudio Ciccone

Il fantasy è un genere infame, diciamoci la verità. Non solo i giovani scrittori, ma anche i giovani lettori almeno una volta nella vita hanno letto un romanzo, una trilogia o una saga fantasy. Ed è normale che per molti di noi le nostre letture ambientati in mondi, universi, tempi lontani dai nostri abbiano contribuito a costruire la nostra, appunto, fantasia.

Personalmente non so se sarei diventato il lettore che sono oggi se non avessi incontrato autori come J.R.R. Tolkien, Robert E. Howard, Terry Pratchett, Philip Pullman o anche J.K. Rowling.

Nel corso del tempo, tuttavia, ho letto cose che avrei preferito non deludessero in maniera così dolorosa le mie aspettative (Cristopher Paolini, se mi stai leggendo, sappi che un giorno ti troverò e ti farò ingoiare pagina per pagina il tuo ciclo dell’Eredità) ma che mi hanno insegnato che alle volte, una buona idea può rivelarsi meno prolifica del previsto, col rischio di diventare ripetitiva (non per citare le Cronache del Mondo Emerso, ma le Cronache del Mondo Emerso sono un ottimo esempio) oppure poco originale diventando il racconto di una campagna D&D (il gioco di ruolo in cui un Master racconta una storia e i giocatori, impersonando i personaggi che si sono inventati, la interpretano facendo scelte, combattendo, usando dadi e abilità).

Questo perché, come ho già detto, il fantasy è un genere infame. Tutti sono attratti dall’idea di dare forma al proprio mondo fatto di castelli, fate, elfi e orchi, ma altra faccenda è creare qualcosa che non puzzi di già letto.

Eppure, ogni volta che ho tra le mani un libro di questo genere mi ci avvicino sempre con quell’incanto che avevo da bambino, quando per la prima volta leggevo di Aragorn e Frodo, Gandalf e Gimli (Legolas no, perché Elfi boia solo noia). E per quanto ad oggi abbia letto libri di ogni tipo e sia diventato sicuramente più vecchio e noioso preferendo i saggi ai romanzi, leggere un fantasy è un’attività che mi genera emozioni che nient’altro riesce a trasmettermi.

È con queste premesse che mi sono avvicinato al nuovo libro di Roberta Bianchessi “Il Custode dei Pozzi Maledetti”: una lettura impegnativa, nonostante le sue 185 pagine Glossario e Ringraziamenti compresi, che mi ha invogliato a scrivere questo blog post.

Copertina libro: il custode dei pozzi maledetti

Roberta si è inventata un mondo che mi ha spiazzato, un universo al quale mi sono dovuto affacciare senza l’aiuto di alcuna esperienza precedente, ed è stata una sfida divertente rimettere insieme i pezzi per ricostruire il mosaico e tentare di avere un’idea più chiara di cosa stesse succedendo.

Perché Il Custode dei Pozzi Maledetti ha un intreccio frammentato come il mondo in cui è ambientato, lo spazio-tempo è ricombinato così che il lettore, come i Custodi del romanzo, è sbalzato avanti e indietro lungo la linea temporale in salti di cui all’inizio non è facile capire la natura, o il senso.

L’idea che ho avuto leggendo le pagine di questo libro è stata quella di una pellicola smontata scena per scena, mescolata, e infine rimontata in modo che solo alla fine del libro si possa avere un’idea chiara, o almeno meno parziale, della situazione generale.

Una scelta audace, quella di Roberta, che tuttavia in certi punti ha rischiato di frustrarmi, obbligato a farmi trasportare dal susseguirsi delle righe senza essere davvero in grado di ricreare sotto forma di immagini mentali quanto stavo leggendo. Ciò che è normale per i personaggi del libro è assolutamente anormale per me, che ancora sto qui domandandomi come effettivamente siano fatte le Guardie del Fondo.

Quello che invece mi è piaciuto molto è stato trovarmi molto vicino ai personaggi di cui si raccontano le azioni, sì, ma soprattutto i sentimenti, le passioni. Quando Roberta si avvicina alla rettile Lussy (la scena nella capanna l’ho trovata perfettamente equilibrata nella rudezza della narrazione e nella descrizione dei suoi sentimenti), al felino Astaroth e al mutaforma Nihls sono riuscito a vedere quello che vedevano loro, sentire i loro pensieri.

Sono stato molto contento di leggere questo libro, mi ci ero avvicinato con l’idea di passare qualche ora con una lettura leggera e invece mi sono ritrovato a partecipare alla costruzione di un qualcosa di nuovo, con grande entusiasmo, nonostante la difficoltà nello sbrogliare alcune scene più movimentate (ho faticato a capire le dinamiche di diversi “combattimenti”) e il dispiacere nel constatare che la conclusione del libro non porta a una chiusura del cerchio aperta nel prologo, rendendolo meno conclusivo di quanto non siamo abituati quando si apre un ciclo fantasy, in cui il finale contiene tanto la fine della trama principale quanto l’apertura delle trame da portare avanti nei libri successivi (la Compagnia dell’Anello che si scioglie ma la missione da portare avanti, Ned Stark decapitato ma le conseguenze dei segreti rivelati, e così via).

È un libro che merita di essere letto, e che si può comprare qui.

E voi? Siete lettori di Fantasy? Qual è quel romanzo, o quella saga, che più ha contribuito a costruire la vostra immaginazione? Quale non avreste mai voluto leggere?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...